Lode al capo degli Ultrà

“Lode a te, che sei il capo degli ultrà”

Lo stadio è vuoto. Ma gli spalti tremano ancora. E l’eco di questo coro non finirà.

Ma da oggi un tamburo in meno suonerà e un megafono in più resterà a casa attaccato ad un chiodo.

Perché il capo degli ultrà è morto, di un male incurabile.

La tua squadra e gli altri tifosi ti hanno commemorato e ti ricordano. Non importa quali debolezze avevi nella vita, al lavoro, con gli amici o nell’amore. Avevi trovato la tua rivalsa nel Calcio stando a capo di quel tifo che si porta dietro una magia sin dalla nascita.

Guidavi tutti noi la domenica ed i papà ti indicavano ai loro figlioletti dicendo: “ Quello è il nostro Capo degli Ultrà”.

SENTIMENTI DI UN TIFOSO

Lo stadio, ed in particolare i settori “caldi” della curva sono un vero e proprio luogo magico, e non solo per il gioco del calcio in sé, ma per ciò che passa tra i tifosi.

Nel mio settore, la Curva Sud dello stadio Olimpico, ogni domenica posso guardare la mia faccia specchiata nel viso del mio vicino che ha 40 anni più di me e lavora come operaio, nella ragazza dell’università, che studia legge e che abita lontano, ma non rinuncia alla Roma. Mi posso riflettere nel bambino di sette anni che torna a casa col papà senza voce e nella pensionata che sta sullo stesso posto da quando la Roma retrocedette nel ’51.

Immagine correlata

(foto da romacalcio.net)

Siamo tutti la stessa persona.

Tutti esultiamo al gol della nostra squadra, e allo stesso modo ci disperiamo per la rete presa in fuorigioco all’89esimo. Abbiamo pianto tutti dopo la partita col Parma dove i tre gol di Batistuta, Montella e Francesco Totti regalarono il terzo scudetto alla Roma; allo stesso modo in cui le guance ci si rigarono di lacrime ben più amare il 26 Maggio 2013.

E non importa se al posto accanto al mio ci sia uno sconosciuto. Lo abbraccerei lo stesso. Perché la Roma non solo ci riunisce e ci accomuna, ma lo fa toccando i nostri sentimenti: e siamo proprio tutti quanti in apprensione ed in estasi per quei colori come lo è un padre per un figlio, una moglie per suo marito, un ragazzo per una ragazza.

Ecco perché il capo degli Ultrà è importante.

E per lo stesso motivo è importante che il capo degli Ultrà sappia rappresentare sempre i valori dello sport. Dentro e fuori lo stadio.

Perché è il Capo degli Ultrà.

 

Alberto Mascolini – Liceo Classico Dante Alighieri

 

Lascia un tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...